Che cos'è e come valutare il rischio stress da lavoro correlato

Lo stress da lavoro correlato è la percezione di squilibrio che un lavoratore avverte quando le sue capacità non sono commisurate alle richieste dell’ambiente lavorativo.

Si tratta di un problema sempre più sentito e i lavoratori e le aziende non possono certo sottovalutarlo: ecco perché è necessario parlare di “valutazione del rischio” come elemento essenziale per preservare la salute del lavoratore e la produttività aziendale.

Ma che cos’è lo stress lavoro correlato?

Lo stress non è di per sé una malattia, ma una condizione provocata da fattori esterni che impattano sulle capacità del lavoratore e della lavoratrice. Dunque, si parla di stress lavoro correlato quando a causarlo è il protrarsi nel tempo di fattori stressogeni troppo intensi e sproporzionati alle capacità del lavoratore: questi fattori possono essere propri del contesto di lavoro o del contenuto lavorativo.

L’evoluzione dei sintomi da stress lavoro correlato può sfociare in patologia e avere effetti negativi sia sulla persona che sull’azienda:

  • calo delle performance del lavoratore;
  • assenteismo;
  • incidenti sul lavoro;
  • atteggiamenti negativi.

La normativa

Il  decreto legislativo 81/08 ( nell’art. 28 comma 1 “oggetto della valutazione dei rischi” ) IMPONE a tutti i datori di lavoro una valutazione riguardante «tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari tra cui quelli collegati allo stress lavoro correlato, secondo i contenuti dell’Accordo Europeo dell’08/10/2004». Successivamente, la Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro ha elaborato le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio stress lavoro-correlato. Con la circolare del 18 Novembre 2010 ha individuato un percorso metodologico che prevede anche le tempistiche da rispettare, per un monitoraggio efficace (per esempio, l’obbligo della frequenza di valutazione ogni 2/3 anni, salvo non esistano situazioni pregresse che richiedano l’adozione di provvedimenti più restrittivi).

Valutazione del rischio da stress lavoro correlato INAIL

L’INAIL ha sviluppato una nuova proposta ad ottobre 2017 di facile attuazione per le aziende, basata su approcci e procedure che sono frutto di ricerche scientifiche.

L’obiettivo è sostenere il datore di lavoro, fornendogli tutti gli strumenti e le conoscenze necessarie per prevenire e gestire il rischio stress lavoro correlato: un metodo che riadatta e integra il modello di Management standard predisposto dall’Health and safety executive (Hse) e contestualizzato al D.Lgs. 81/08.

Il percorso metodologico prevede il coinvolgimento attivo dei lavoratori e delle figure preposte alla prevenzione, ed è articolato in 4 fasi principali:

  1. Fase propedeutica – consiste nella preparazione organizzativa delle attività di valutazione e rischio.
  2. Fase della valutazione preliminare – in questa fase l’obiettivo è valutare alcuni indicatori organizzativi di natura oggettiva. Viene svolta l’analisi degli eventi sentinella e la rilevazione degli indicatori di contenuto e contesto del lavoro, attraverso un’apposita lista di controllo.
  3. Fase della valutazione approfondita – finalizzata alla rilevazione delle percezioni dei lavoratori riguardo gli aspetti di Contenuto e Contesto del lavoro, connessi con il rischio SLC; va obbligatoriamente intrapresa qualora l’esito della valutazione preliminare abbia rilevato la presenza, in uno o più gruppi omogenei, di una condizione di rischio SLC, e gli interventi correttivi attuati non abbiano ottenuto l’effetto di abbattimento del rischio.
  4. Fase di pianificazione degli interventi – l’obiettivo di questa fase è sviluppare e pianificare una strategia d’intervento, per evitare che l’eventuale situazione di rischio crei danno ai lavoratori e all’azienda.

A conferma dell’impegno verso la prevenzione, l’Inail ha messo a disposizione una piattaforma online per gli strumenti di valutazione del rischio.

Valutazione del rischio stress da lavoro correlato: cosa fare

Appreso l’impatto che può avere sulla vita del lavoratore e sui costi per l’azienda, l’attuazione del sistema consigliato dall’Inail risulta essere essenziale. Tuttavia, individuare i rischi e gestire un percorso attento e specifico nella valutazione delle possibili cause di stress, può non essere semplice per il datore di lavoro.

Solo uno psicologo regolarmente iscritto all’Albo Professionale è autorizzato ad effettuare la valutazione dei rischi psico sociali e nessun altro ( si può incorrere nel reato di abuso di professione – vedi legge 56/89).

La valutazione dello stress lavorativo è utile per il monitoraggio della salute dei lavoratori ed è obbligatoria dal 16/05/2009.  

La  consulenza e la formazione da parte di un professionista esperto  può, inoltre, fornire anche, in uno step successivo, strumenti efficaci e conoscenze tecniche per supportare titolari d’azienda e collaboratori nel:

  • tracciare le linee guida necessarie;
  • tutelare la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro;
  • gestire i rischi psicosociali sui luoghi di lavoro.
  • Progettare e erogare interventi su aspetti preventivi e procedurali relativi alla salute e al benessere dei lavoratori per recare beneficio all’intera azienda.

La valutazione dello stress lavorativo è obbligatoria per tutte le aziende che abbiano almeno 1 dipendente con qualsiasi tipo di contratto, anche a tempo determinato.

Richiedi maggiori informazioni per preventivi e info


Articolo a cura della dott.ssa Elena Casoli
Psicologa psicoterapeuta a Reggio Emilia

Dott.ssa Elena Casoli
Psicologa e Psicoterapeuta

Reggio Emilia

Iscritta all’Albo Professionale degli Psicologi della regione n. 5270
Laurea magistrale in psicologia nel 2004 presso l’Università degli Studi di Padova
P.I. 02432700355

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2018 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Elena Casoli
www.psicologi-italia.it

© 2018. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.